Jessica D'Amato

Jessica D'Amato

Le mie esperienze e la mia formazione mi hanno portato a credere nell’importanza della comunicazione e della comprensione.

Insegno dal 2009 e in quel periodo ancora non immaginavo che lo yoga sarebbe diventato il nutrimento per il mio entusiasmo, una luce con la quale conoscere il mio mondo interiore, una lente cristallina con cui osservare il mondo esteriore. Non immaginavo che lo yoga sarebbe diventato il mondo entro il quale mi sarei immersa sempre più.

Ho iniziato a insegnare grazie alla fiducia della mia insegnante, lei aveva visto in me qualcosa che io stessa non vedevo, e nel corso degli anni lo yoga è diventato la mia pratica di crescita personale e la mia principale professione.
Sono stata da sempre curiosa e appassionata delle culture del mondo e così ho deciso di intraprendere gli studi di Scienze della Comunicazione Interculturale, proseguendo con la magistrale in Scienze Antropologiche ed Etnologiche. Qui i miei due mondi si sono incontrati, con la tesi sperimentale in Antropologia Medica: “Respiro e Salute: Equilibrio Psicofisico e Dinamico tra Mistica Orientale e Fisica Moderna”.

La passione per le culture e le filosofie orientali, unitamente allo yoga mi ha portata a viaggiare in Medioriente per conoscere di più di questo modo e imparare l’arabo, e in India per assaporarne la profondità e approfondire la disciplina dello yoga.
Dopo la mia prima formazione insegnanti ho continuato infatti a studiare lo yoga nel suo aspetto pratico e filosofico seguendo nel 2014 la scuola Trimurti Yoga in India, in un bellissimo luogo sull’Himalaya praticando oltre che Hatha yoga, anche Ashtanga yoga, Vinyasa yoga, Yin yoga. In questa meravigliosa esperienza che ha arricchito le mie conoscenze e allargato i miei orizzonti le tematiche principali del corso sono state: anatomia per lo yoga, filosofia yogica, metodologie di insegnamento, allineamento e adattamento di asana.

Nel 2016 in Germania con l’organizzazione Art of Living, fondata dal maestro Sri Sri Ravi Shankar, ho potuto far parte di un percorso di crescita spirituale, emotiva e personale grazie al training per diventare insegnante Art of Living. Da allora posso condurre un importante corso di approfondimento della conoscenza vedica, delle tecniche di respirazione, di meditazione e del Sudarshan Kriya (tecnica oggetto di numerose ricerche scientifiche utilizzata in tutto il mondo come strumento pratico per accompagnare il processo di recupero nelle carceri, nella sindrome post traumatica da stress e nei disturbi dell’umore); potente strumento per vivere una vita sana, consapevole e libera da stress.
Ultimo Teacher Training di 350 ore in Sri Sri Yoga è stato quello del 2017 in Germania presso il centro europeo della scuola. Questa formazione così profonda mi ha permesso di comprendere ancora una volta il potere trasformativo dello yoga a tutti i livelli dell’essere, nella mente e nel corpo.
Negli anni approfondisco l’insegnamento dello yoga per bambini e adolescenti, yoga in gravidanza, (con la formazione AIPY associazione italiana pedagogia Yoga), Yin Yoga e rilassamento miofasciale con punti di agopressione, (presso l’associazione Trimurti Yoga con sede in India) e approfondisco la funzione terapeutica dello yoga, (presso Edy Academy).

Col tempo posso dire che ho fatto dello stile di Hatha Yoga, Sri Sri Yoga la mia “casa” attraverso cui riesco a trasmettere al meglio con semplicità ed entusiasmo la profondità di questa disciplina. Uno stile che porta la saggezza e le tecniche tradizionali dello yoga in maniera al tempo stesso profonda e gioiosa. Con sequenze di asana vigorose e dolci allo stesso tempo per il benessere del corpo, con uguale attenzione alle tecniche di respirazione e meditazione per coltivare la mente e lo spirito.

Sono legata alla danza, che da sempre ha avuto la funzione di arricchire il mio mondo: dai mondi lontani, affascinanti del Medioriente e dell’india è stata proprio la danza a riportarmi alle radici della mia cultura. Avvicinandomi alle tradizioni popolari del sud Italia ho incontrato anche le danze popolari del sud Italia, essenziali per la trasmissione della spontaneità e della percezione di “essere comunità” tipiche di queste danze, di cui sono diventata una divulgatrice entusiasmata. Quindi da quella ragazza che vedeva nella danza puro divertimento ho incontrato una parte di me che vede in essa strumento di ricerca personale e corporea. Ho iniziato così a essere parte della “ricerca South Beat” embrione di quella che sarebbe diventata la ricerca nella compagnia di teatro-danza: “Danza Nuda”.
Il ruolo che la musica ha nella nostra vita continua ad affascinarmi, fino a sperimentare attraverso la collaborazione con musicisti ed esperti di Nada-Yoga gli effetti degli strumenti antichi di tradizione italiana e popolare nella pratica yoga.

Sono convinta che lo yoga possa fornirci una via per ridare legittimità alle nostre emozioni, a prendercene cura e a gestirle, e ci dia la possibilità di dare legittimità alle sensazioni del corpo, assaporarle, viverle. Lo yoga ci fornisce strumenti pratici per creare equilibrio e armonia nella nostra mente, per vivere la nostra vita in modo pieno, completo, e affrontare le sfide quotidiane con forza e maggior leggerezza d’animo.

“Come un fiore che sboccia, il completo fiorire del potenziale umano, è yoga”.
Sri Sri Ravi Shankar

 

I MIEI CORSI

Hatha Yoga delle 4 stagioni
Hatha Yoga tradizionale